Interruzione di corrente

Piano di Emergenza del Sistema Elettrico (PESSE)

Il Piano di Emergenza per la Sicurezza del Sistema Elettrico (i.e. PESSE) ha l’obiettivo di attuare la disalimentazione a rotazione dei carichi al fine di fronteggiare situazioni di significativa e prolungata carenza di elettricità sulla rete nazionale e di evitare interruzioni non controllate del servizio elettrico, che causerebbero un maggiore disagio sociale ed economico per la collettività.
Per questo interviene il PESSE, noto anche come Piano Salva Blackout, proprio per ridurre i prelievi di energia elettrica attraverso la sospensione dell'elettricità in maniera selettiva e programmata, con un sistema di rotazione per gruppi di clienti.
L'applicazione dei distacchi programmati dal PESSE avviene su richiesta dalla società Terna, gestore della  Rete di Trasmissione Nazionale,  con un preavviso di 30 minuti prevedendo cinque differenti livelli di severità (I,II,III,IV,V) a seconda della criticità che si riscontra sulla rete elettrica.
In caso di attivazione del Piano, ciascun cliente potrà essere disalimentato per un numero massimo di 3 turni giornalieri non consecutivi, ciascuno della durata di 90 minuti.
L’ARERA (Autorità di Regolazione per l’Energia Reti e Ambiente) con la Deliberazione 401/2018/R/eel ha approvato l’aggiornamento dell’Allegato A.20 del Codice di Rete di Terna col quale il numero delle fasce orarie del potenziale distacco è passato a 9 rispetto alle precedenti 6.  Viene distinto il periodo estivo, corrispondente all’attivazione dell’ora legale (Aprile-Ottobre) e il periodo invernale (da Novembre a Marzo), nel seguente modo:
PERIODO ESTIVO – 9 FASCE DI 90 MINUTI CIASCUNA DALLE 9.00 ALLE 22.30
PERIODO INVERNALE – 9 FASCE DI 90 MINUTI CIASCUNA DALLE 07.30 ALLE 21.00

Se desideri conoscere il dettaglio del piano per la tua fornitura di energia elettrica, inserisci il codice POD nel box in fondo alla pagina.

Gestione delle utenze BT non disalimentabili in caso di attivazione del PESSE

Come definito nell'articolo 6.4 dell'Allegato A20 del Codice di Rete di Terna, Le Utenze non comprese nelle classi indicate nell'Appendice I (Utenze privilegiate) del medesimo Allegato, devono provvedere autonomamente alla continuità dei propri servizi elettrici essenziali. La limitazione delle classi di Utenze privilegiate è una necessità irrinunciabile per la definizione di un Piano di distacchi efficace. Infatti, gran parte delle Utenze sensibili al distacco, ed in particolare quelle di potenza minore e quindi più frammentate, sono connesse in modo diffuso alla rete di Media Tensione (MT). L'esclusione di ciascuna di esse dal Piano causerebbe l'esclusione di tutte le restanti Utenze alimentate dalla stessa linea MT, ponendo eccessivi e spesso irrisolvibili vincoli ai Distributori per la copertura dell'entità di potenza disalimentabile.
I Distributori devono segnalare, anche tramite i soggetti venditori, a tutti i loro clienti che la continuità di alimentazione non può essere garantita, in assoluto, per nessuna categoria di Utenza. In particolare, le Utenze privilegiate hanno soltanto una minore probabilità di restare senza fornitura di elettricità, ad esempio a causa di disservizi generalizzati indipendenti dall’applicazione del PESSE. Pertanto, tutte le Utenze, incluse quelle privilegiate, ove risulti oltremodo dannosa l'assenza di fornitura di energia elettrica, devono equipaggiarsi, a loro cura, con gruppi di continuità in grado di alimentare i propri carichi per alcune ore o, in ogni caso, per il tempo a loro necessario. Infine, si segnala che nell'organizzazione del Piano, indicata in Appendice II, sono possibili Turni di Rischio le cui Utenze hanno una minore probabilità di essere disalimentate, in virtù dell'orario o del giorno di allocazione.

Allegato A20

Visualizza dati PESSE

IT009E